©2022

Giornalisti liguri in Finlandia con l’Erasmus+ per combattere le fake news

Giornalisti liguri in Finlandia con l’Erasmus+ per combattere le fake news
14 Settembre 2022 Barbara Amelotti

Venti giornalisti liguri partiranno domenica per Helsinki per una formazione sul sistema sviluppato in Finlandia per combattere le fake news. Un sistema composito che, partendo da una strategia governativa, si articola in programmi e attività sviluppate da scuole, università, associazioni, agenzie governative, giornalisti e aziende editoriali e che pone la Finlandia in testa a tutte le graduatorie internazionali per il contrasto alle fake news.

La formazione durerà una settimana e porterà i partecipanti a visitare e incontrare tutti i principali attori della strategia finlandese in una serie di lezioni, conferenze, visite di studio e laboratori: il Ministero dell’Istruzione e della Cultura, i corsi di giornalismo all’università, diverse agenzie e associazioni che si occupano di alfabetizzazione mediatica del pubblico, la Oodi Library una vera istituzione oltre che la più grande biblioteca della Finlandia, il più diffuso quotidiano della Finlandia e l’emittente radiotelevisiva pubblica Yle Tv, nonché l’associazione dei giornalisti finlandesi e il Consiglio dei Mass Media, per la deontologia professionale.

Come per tutte le formazioni internazionali dell’Odg Liguria, al loro ritorno i giornalisti partecipanti saranno chiamati a trasferire le conoscenze apprese in un corso di aggiornamento per i colleghi rimasti a casa, in una serie di interventi nelle scuole e con altre iniziative di alfabetizzazione del pubblico sul territorio, ciò che consentirà di massimizzare l’impatto del progetto.

Con questa formazione si conclude il progetto “Stop Fake News”, il primo di una serie di programmi di formazione sviluppati in ambito europeo dall’Ordine Ligure dei Giornalisti attraverso il programma Erasmus+, per offrire ai suoi iscritti l’opportunità di formarsi all’estero su tematiche di prioritario interesse per la categoria. Gli altri programmi di formazione internazionale realizzati sono stati: un corso di fact-checking in Finlandia e un corso esperienziale di approfondimento delle istituzioni UE a Bruxelles. Con questa partenza, salgono a 54 i giornalisti liguri che hanno avuto finora l’opportunità di partecipare a una formazione completamente gratuita in ambito europeo grazie ai progetti Erasmus+ sviluppati dall’Ordine Ligure dei Giornalisti.

“Siamo molto soddisfatti dell’andamento dei progetti – commenta Filippo Paganini, presidente dell’Ordine Ligure – che consentono a tanti nostri iscritti di fare un’esperienza formativa in ambito internazionale, acquisendo nuove competenze e aumentando quindi il livello della qualità della categoria in Liguria. Siamo all’avanguardia in Italia e stiamo diventando un esempio da seguire. Da non sottovalutare anche un altro aspetto: queste formazioni di gruppo permettono ai colleghi di conoscersi e di stabilire rapporti duraturi nel tempo, favorendo anche un senso di appartenenza alla categoria e all’Ordine”.

“Stiamo già lavorando sulle formazioni per il 2023, per le quali abbiamo già acquisito nuovi fondi Erasmus+ – aggiunge Stefania Berretta, responsabile per la formazione dell’ODG Liguria – Allo studio, la riproposizione dei corsi già effettuati per permettere a nuovi colleghi di partecipare, ma anche nuove proposte, ad esempio sul giornalismo ambientale e dei veri e propri stage brevi. Entro fine anno ci sarà un info-day in cui daremo tutte le informazioni utili”.