©2022

Erasmus

Consapevole della situazione attuale del mercato del lavoro giornalistico e delle sfide poste dall’evoluzione del mestiere di giornalista, l’Ordine Ligure dei Giornalisti ha deciso nel 2019 di internazionalizzare la formazione degli iscritti, sviluppando progetti nell’ambito del Programma europeo Erasmus+.

 

Il primo progetto, attualmente in corso, si intitola “STOP FAKE NEWS – come distinguere le notizie vere da quelle false” e prevede una formazione a Helsinki per 33 giornalisti liguri, in partenariato con l’Unione dei Giornalisti Finlandesi (https://www.ordineliguregiornalisti.org/stop-fake-news-un-progetto-erasmus-per-i-giornalisti-liguri/).

Un primo gruppo di 14 giornalisti ha effettuato la formazione a Helsinki nel settembre 2021, con workshop, lezioni frontali, conferenze, seminari, visite di studio e incontri con una ventina di soggetti ed esperti, tra i quali il capo ufficio stampa e i consulenti per la comunicazione del Primo Ministro e del Ministero dell’Educazione, i responsabili dei corsi di giornalismo all’università, le diverse agenzie che si occupano di alfabetizzazione mediatica del pubblico, la Oodi Library una vera istituzione oltre che la più grande biblioteca della Finlandia, il più diffuso quotidiano della Finlandia e l’emittente radiotelevisiva pubblica.

17. Comunicato Partenza Primo Gruppo Settembre 2021

 

Altri progetti verranno sviluppati nei prossimi anni in virtù dell’accreditamento permanente che l’ODG Liguria ha richiesto e ottenuto dall’Agenzia Nazionale Erasmus+ Inapp (https://www.ordineliguregiornalisti.org/odg-liguria-formazione-internazionale-erasmus-per-gli-iscritti-fino-al-2027/).

Grazie all’accreditamento, sarà possibile sviluppare nuovi progetti europei di formazione professionale all’estero fino a tutto il 2027. Allo scopo di costruire progetti che incontrino i reali bisogni formativi della categoria, l’Ordine ha inviato a tutti gli iscritti con obbligo formativo un questionario online https://www.ordineliguregiornalisti.org/odg-liguria-un-questionario-sui-bisogni-formativi-della-categoria/