©2022

COMUNICATO – ASSEMBLEA ANNUALE 2022 DEGLI ISCRITTI ALL’ORDINE LIGURE DEI GIORNALISTI

COMUNICATO – ASSEMBLEA ANNUALE 2022 DEGLI ISCRITTI ALL’ORDINE LIGURE DEI GIORNALISTI
24 Marzo 2022 Barbara Amelotti

L’assemblea degli iscritti  ha approvato oggi il bilancio consuntivo 2021 dell’Ordine dei giornalisti della Liguria, chiuso con un margine positivo, e quello di previsione per il 2022 la cui chiusura è stimata in equilibrio. La riunione si è tenuta per via telematica in conseguenza delle restrizioni legate allo stato di emergenza per la pandemia da Covid 19. Il presidente dell’Ordine dei giornalisti della Liguria, Filippo Paganini, nella relazione all’assemblea ha messo in rilievo due terreni di impegno dell’ente: il primo riguarda il contrasto al precariato, grave problema che affligge il settore e per il quale ha sottolineato l’urgenza della revisione della carta di Firenze e un’azione comune con l’Ordine nazionale e il sindacato dei giornalisti; il secondo attiene al recente decreto Cartabia sulla presunzione di innocenza per il quale si corre il rischio di una limitazione del diritto di cronaca sancito dalla Costituzione con l’annullamento del ruolo che i giornalisti svolgono di “watch dog” dell’opinione pubblica, di garanti della correttezza e completezza dell’ informazione. Il presidente ha rimarcato, inoltre, l’urgenza della riforma del reato di diffamazione a mezzo stampa, di interventi normativi contro le querele temerarie, le cosiddette querele bavaglio, e di una revisione dell’accesso alla professione con modifiche alla legge 69 del 1963 istitutiva dell’Ordine. Paganini ha denunciato l’aggravamento della crisi dell’editoria in Italia e in Liguria, criticando l’assenza di politiche di sviluppo da parte degli editori e la debolezza dell’azione della politica. Ha sottolineato, poi, l’importanza sul versante della formazione dei giornalisti dell’aggiudicazione da parte dell’Ordine della Liguria dei bandi dell’Unione Europea Erasmus Plus 2022-2027. Grazie a questi strumenti l’ente ha potuto inviare un nutrito gruppo di colleghi a uno stage di formazione nel contrasto alle fake news in Finlandia, secondo paese nelle classifiche internazionali per la lotta alle false notizie. Coloro che hanno partecipato a questa iniziativa ora stanno trasferendo le conoscenze acquisite con corsi nelle scuole a studenti e insegnati, in virtù di un protocollo di intesa con la direzione regionale scolastica, ai colleghi e ai cittadini attraverso una serie di seminari organizzati in base ad accordi con gli enti locali.

L’Ordine dei giornalisti della Liguria ha anche siglato una intesa con l’Università degli Studi di Genova per l’attivazione in comune di corsi di formazione. L’ateneo ha anche attivato, sempre d’intesa con l’Ordine. una sala stampa dove possono lavorare i giornalisti presso la sede centrale di via Balbi a Genova.

Gli iscritti all’Ordine dei giornalisti della Liguria sono 1.835 di cui 586 professionisti, 1.106 pubblicisti, 23 praticanti e 120 iscritti all’elenco speciale.